Valle D’Aosta – Speciale MTB – Il Tour dei rifugi

Home // Valle D'Aosta // Valle D’Aosta – Speciale MTB – Il Tour dei rifugi
tour-dei-rifugi tour-dei-rifugi-1

 

Il Tour Dei Rifugi (TDR), è un itinerario escursionistico in mountain bike. Si sviluppa tra mulattiere e sentieri di alta montagna percorrendo in parte, il tracciato del famoso Giro del Monte Bianco.

La sua lunghezza, di circa 110 km, ed accumula un dislivello di circa 4300 m. E’ un itinerario difficile ma non impossibile, con tratti esposti ed altri, (ma non molti) a spinta, per cui si consiglia una buona preparazione fisica ed una Mountain Bike in piena efficienza.

Partenza ed arrivo sono dal centro di Courmayeur, ridente località turistica da dove si può ammirare la catena del Monte Bianco, ha una durata di tre giorni + 1 giorno di arrivo/acclimatamento antecedente la partenza, con sistemazione in hotel (trattamento B&B).

Si parte il venerdì di buon mattino e si rientra la domenica pomeriggio, il trasporto dei bagagli è garantito presso ogni rifugio/tappa dall’organizzazione.

Lungo le due vallate di Courmayeur la Val Ferret e Val Veny, che percorrono longitudinalmente il massiccio del Monte Bianco, seguendo con qualche variante il tracciato del Tour du Mont Blanc, si trovano in quota 6 Rifugi (tre per vallata). Posizionati in modo strategico, offrono vedute uniche sul Gigante di Granito e vengono utilizzati come punto di tappa.

Il rifugio Elena ed il rifugio Elisabetta Soldini dividono l’Italia rispettivamente dalla Svizzera e dalla Francia, raggiungibili la prima attraverso il Col du Grand Ferret al fondo della Valle omonima, la seconda attraverso il Col de la Seigne al fondo della Val Veny.

Le potenzialità a livello escursionistico delle due Vallate Veny e Ferret, sono note a tutti. Il patrimonio in termini di bellezze naturalistiche è indiscutibile e i 6 rifugi, tre per vallata che le valorizzano, fanno il resto.

CENNI STORICI SUI RIFUGI:

RIFUGIO ELISABETTA
Il Rifugio Elisabetta Soldini Montanaro (semplicemente Rifugio Elisabetta), dove si pernotta la prima sera, è un rifugio situato nel comune di Courmayeur (AO), in fondo alla Val Veny, nelle Alpi Graie, a 2.195 m s.l.m
RIFUGIO MAISON VIEILLE
Seguendo l’alta via numero due dal Lago Combal, spingendo un po la Bike, camminerete su uno dei più importanti sentieri che hanno permesso ai viandanti di un tempo di transitare dalla Francia all’Italia e viceversa e che ci porterà a questo splendido Rifugio per il pranzo..
RIFUGIO MONTE BIANCO
Il Rifugio Monte Bianco è situato in Val Veny a 1.700 m s.l.m. nel massiccio del Monte Bianco presso la località la Fodze nel comune di Courmayeur. È stato più volte ampliato e restaurato e ci si ferma per un caffè e la vista mozzafiato!
RIFUGIO BONATTI
Il rifugio è situato a 2025 m di quota, nel Vallone di Malatrà e si affaccia su un panorama che abbraccia tutta la catena del Monte Bianco, dal Col de la Seigne al Col Ferret. Ci si ferma per un caffè
RIFUGIO BERTONE
Costruito nel 1982, ricorda l’alpinista vercellese Giorgio Bertone, precipitato con il suo aereo sul ghiacciaio di Freney. Da qui si gode di un meraviglioso panorama sulla catena del Bianco… sembra di toccarlo! Qui ci si ferma per il pranzo.

 

tour-dei-rifugi-3 tour-dei-rifugi-4

ITINERARIO

DESCRIZIONE DELLA PRIMA TAPPA

  • Partenza dall’hotel direzione Prè St. Didier lungo i sentieri del Grand Rue.
  • Arrivati a Prè St. Didier si sale lungo la Strada Statale 26 direzione La Thuile (strada asfaltata). Arrivati a La Thuile, tappa caffè.
  • Si continua a salire lungo la strada asfaltata del Piccolo San Bernardo, fino a aggiungere il piccolo abitato di Pont Serrand, dove abbandoniamo la strada principale lungo la strada che ci porta all’alpeggio di Porassey.
  • All’alpeggio di Porassey riempiamo d’acqua le borracce e iniziamo la strada militare nel vallone di Chavanne che ci porterà fino al al Colle omonimo.
  • Scollinato il colle di Chavanne, affronteremo una discesa tecnica bellissima sul vallone di Lex Blanche in Val Veny.
  • Nel vallone, incontreremo la Dora di Veny ed il sentiero scorrerà veloce fino alle casermette, ed al rifugio Elisabetta Soldini, nostra prima tappa del TDR, (Tour Dei Rifugi).

tour-dei-rifugi-prima-tappa

DESCRIZIONE DELLA SECONDA TAPPA

  • Partenza dal rifugio Elisabetta Soldini, in direzione Arp Vieille.
  • Si scende il fondovalle, lungo la strada sterrata, fino a raggiungere il Lago Combal, che troviamo alla nostra sinistra.
  • Al ponte sul lago, iniziamo salendo a destra lungo il sentiero che ci porterà all’Arp Vieille, un sentiero molto tecnico, a tratti da fare a piedi, continuamente affacciato sul Lago del Miage ed il massiccio del Bianco.
  • Dopo aver scollinato all’Arp Vieille, seguiremo il fantastico tracciato della Grande Balconata con un panorama indescrivibile, ove passa anche il famoso Tour du Mont Blanc, a seguire troviamo il Lago di Checrouit e poco dopo il Rifugio Maison Vieille, dove ci si ferma per il pranzo.
  • Si riparte con una bellissima discesa molto veloce al Rifugio Cai Uget – Monte Bianco, tappa caffè.
  • Lasciato il rifugio si continua a scendere, strada di fondo valle che diventa asfaltata fino alla località di Entreves, passando davanti all’imponente Ghiacciaio della Brenva.
  • Da Entréves si risale lungo la strada di fondo valle per la Val Ferret, fino a raggiungere località Arnouvaz, dove finisce la strada asfaltata.
  • Da qui si sale lungo una bella strada sterrata verso il Rifugio Elena, nostra seconda tappa del TDR.

tour-dei-rifugi-seconda-tappa

DESCRIZIONE DELLA TERZA TAPPA

  • Partenza dal Rifugio Elena, se in buone condizioni, scenderemo per un bellissimo sentiero tecnico fino alla località Arnouvaz.
  • Iniziamo a salire a piedi lungo il sentiero che ci porterà all’Alpe di Arnouvaz, siamo quindi sul tracciato della Grande Balconata della Val Ferret, dove passa anche il famoso Tour du Mont Blanc e da qui si pedala tutto.
  • Si scorre lungo la balconata tra rododendri e cespugli di mirtilli fino a raggiungere il Rifugio Bonatti, per un caffè con splendida vista.
  • Lasciato il rifugio Bonatti, si prosegue fino a raggiungere l’Alpe di Secheron dove abbiamo due possibilità, in base al meteo, il tempo e le condizioni del gruppo: A) Si sale lungo il vallone di Arminaz, si scollina il Col Sapin a piedi e si risale sempre a piedi, un ripido sentiero fino a raggiungere la Testa della Tronche a 2400 m., scendendo poi per un single track unico con vista Monte Bianco a scendere il Monte de la Saxe fino a raggiungere il Rifugio Bertone per il pranzo. B) Si continua lungo il sentiero attraversando il torrente Arminaz e cambiato versante della montagna con un piacevole saliscendi per arrivare al Rifugio Bertone per il pranzo.
  • Lasciato il rifugio, si risale un pochino fino a raggiungere il sentiero della balconata da dove velocemente saremo in picchiata su Planpincieux eppoi in centro a Courmayeur per una meritata doccia ed una buona birra. Di seguito scambio foto e saluti.

tour-dei-rifugi-terza-tappa

 

DETTAGLI TECNICI

Il Tour Dei Rifugi è strutturato con arrivo il giovedì a Courmayeur e ritorno a casa la domenica.

Tour infrasettimanali SU RICHIESTA!

 

Arrivo in hotel nella giornata di giovedì. In serata, preparazione dei bagagli per la navetta.

Partenza per il TdR il mattino del venerdì verso le 08:00 e consegna bagagli.

Ritorno dal TdR la Domenica entro le 18:00

 

QUOTA PER PERSONA :

Fino al 3 Maggio 2016 –  € 450

Dal 4 Maggio al 30 Settembre  2016 –  € 475

 

La quota comprende:

  • Sistemazione in Albergo 1 sera (b&b)
  • 2 notti in rifugio (sistemazione mezza pensione doccia compresa, previsto sacco letto)
  • Guida qualificata
  • Assicurazione (24 assistance)
  • Trasporto bagagli
  • Controllo e manutenzione Bike
  • Gadget (Maglia ciclo TDR, t-shirt dedicata TDR, WD40, altro)
  • Doccia la domenica sera

 

La quota non comprende:

  • Mountain Bike (possibilità di noleggio)
  • Materiale per riparazioni
  • Pranzi durante le tappe
  • Trasporti vari
  • Tutto quello non previsto nelle voci “è compreso”

 

MATERIALE MINIMO CONSIGLIATO: 

  • La propria bike, in perfetta efficienza
  • Uno zaino, noi consigliamo capienza 15/25 litri, può fornirlo l’organizzazione
  • Abbigliamento di ricambio: maglie e pantaloni ciclo, anti pioggia, manicotti e gambali e/o abbigliamento invernale
  • 2 paia di guanti: dita lunghe e corte
  • Casco in buone condizioni
  • Integratori: sia barrette che polveri per bevande
  • Occhiali da sole
  • Abbigliamento da riposo: tuta, felpa, ciabatte
  • Accessori da bagno

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Translate »